Notizia

img-notizia

26/05/2020Repubblica Centrafricana: si combatte ancora

Riportiamo l‘intervista che Fondazione Missio, Organismo Pastorale delle Conferenza Episcopale Italiana, ha fatto a suor Elvira Tutolo, da 25 anni missionaria in Repubblica Centrafricana e fondatrice della Fraternità Kizito che la Fondazione Un Raggio di Luce sostiene con impegno e costanza da anni.


Non c’è pace nella Repubblica Centrafricana tormentata da un conflitto “a bassa intensità” tra milizie armate e forze governative. Nonostante la firma dell’accordo di pace siglato il 5 febbraio del 2019 a Khartoum, il Paese non è sicuro. Gli ultimi episodi di violenza risalgono ad una settimana fa: «la città di Obo è stata messa a ferro e fuoco e la settimana scorsa hanno sparato nel centro di un’altra cittadina, Ndele. Le milizie continuano a creare problemi e non rispettano la firma dell’accordo. Questa è una situazione drammatica: si sperava tanto nella pace», ci racconta al telefono da Bangui suor Elvira Tutolo, 71 anni, missionaria della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret.


L’estrema instabilità del Centrafrica sempre in bilico è dovuta alla presenza capillare di uomini armati (si contavano 14 milizie prima della firma dell’accordo), divisi in fazioni opposte al governo centrale, che rivendicano ruoli di prestigio e potere all’interno dell’esecutivo. Pomo della discordia sono naturalmente ministeri di peso che tutti vorrebbero ricoprire: quello della Difesa e dell’Interno, delle Miniere e dell’Economia. Il più battagliero, e il meno disposto a cedere potere è il Front démocratique pour le peuple de Centrafrique (FDPC).


«L’’unica cosa positiva che vedo è che il governo ha ricostruito l’esercito nazionale, il Faca, ma i gruppi armati non hanno per niente deposto le armi», conferma la suora. «L’anno passato si è arrivati ad un accordo condizionato: la comunità internazionale ha detto: «se smettete di combattervi vi diamo dei ministeri»: parlavano di governo inclusivo e di unità nazionale – ci racconta suor Elvira – Ma a mio avviso è stato un vero patteggiamento col nemico. Noi missionari, che conosciamo la sofferenza della gente, abbiamo sempre detto che non era giusto negoziare».
Un altro rischio, spiega la missionaria, è che gli uomini ex Seleka (gruppo armato di matrice islamista, tra i più violenti) che fino ad un anno fa massacravano la popolazione, in opposizione agli anti-Balaka, di matrice cristiana, si ritrovino in ruoli chiave di governo e possano effettuare ritorsioni sulla gente. «Noi adesso ci ritroviamo come interlocutori quelli che fino all’altro ieri ci minacciavano», spiega. 


Scandagliando i motivi profondi all’origine di questa conflittualità interna ancora una volta la ricchezza del sottosuolo appare la vera condanna: «la fortuna e sfortuna del Centrafrica è quella di avere tante risorse: io dico sempre che non so perchè il Signore abbia voluto concentrare tante ricchezze in uno spazio così piccolo! Qui troviamo tutto: petrolio, oro, minerali preziosi. C’è di tutto. Che siano russi, cinesi o francesi gli stranieri si spartiscono le nostre ricchezze»In lingua sango la Repubblica Centrafricana è detta “cuore dell’Africa”. «È esattamente il cuore del continente – spiega suor Elvira – e a livello geopolitico è importante per molte nazioni avere qui delle basi militari. Il Centrafrica fa da pietra d’inciampo per tutti coloro che ambiscono al Congo e al Kenya. E’ un argine all’avanzata islamista nel Sud del continente».


Suor Tutolo, da 25 anni missionaria in questo Paese, è una vera forza della natura: donna tenace e comunicativa, un caterpillar che dosa bene vigore e senso materno, in grado di vincere ogni resistenza. Tanto che lo scorso anno le è stato assegnato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il riconoscimento di Commendatore al merito dell’Ordine della Repubblica italiana. Lei è la madre del Centro Kizito che ha sottratto per 20 anni i bambini alle milizie armate, ed è diventato un’istituzione a Berberati, dove la suora ha operato fino a sei mesi fa. «Adesso che sono in quest’altra missione, con le mie consorelle, stiamo cercando di organizzarci per progettare in futuro un altro centro simile, ma ancora è tutto da valutare», ci spiega.


Le violenze nel Paese sono iniziate nel 2012, quando una coalizione di gruppi ribelli a maggioranza musulmana chiamati appunto Seleka – che nella locale lingua sango significa “alleanza” – diedero vita a una rivolta e tre mesi più tardi presero il potere con un colpo di Stato. A quel punto entrarono in gioco le milizie anti-balaka, composte da uomini armati e miliziani che si definivano cristiani e che stavolta hanno preso di mira la popolazione di religione musulmana.


Fonte: Fondazione Missio

Condividi

Amore è la luce dello spirito Quando abbiamo bisogno della luce? Non durante il giorno, ma quando regna la notte. Allora ci occorre una lampada, una fiamma, la luna. Fate del vostro meglio per portare luce e amore nella vita di coloro che incontrate.

Sathya Sai Baba

    •  Chi siamo

    •  Cosa facciamo

    •  Iniziative

    •  Comunicazione

    •  Come sostenerci