Notizia

img-notizia

16/02/2021I ragazzi di Kizito: Juvenal

Le storie di Kizito

L’organizzazione Kizito, fondata da suor Elvira Tutolo, ogni anno sostiene 25 minorenni soli, abbandonanti o con problemi con la giustizia. Conosci anche tu alcuni dei ragazzi che aiutiamo grazie a Kizito. Ogni giorno aiutiamo e permettiamo a persone come Juvenal di trovare una famiglia, un luogo sicuro, un posto nuovo da chiamare casa.

 

 

Juvenal Mekondji non ha mai avuto una famiglia: suo nonno e sua madre non andavano d’accordo e non ha mai saputo chi fosse suo padre. La madre avrebbe voluto affidarlo subito dopo il parto a Kizito ma suor Elvira e tutti gli altri educatori si rifiutano non solo perché sono contrari ad accettare bambini appena nati ma anche perché sua madre c’era e poteva prendersi cura di lui. Aiutano la donna a trovarsi un lavoro ma muore giovane lasciando Juvenal da solo.

 

Papà Laundry e mama Pamela, una delle coppie della fraternità Kizito, accolgono il piccolo Juvenal nella loro famiglia quando aveva 6 anni. Si inserisce subito bene e stringe dei forti legami anche con gli altri figli della coppia. Va a scuola, studia e cresce sereno e pieno di passioni. Nel frattempo, come tutti i bambini Kizito, frequenta il Centro Culturale che a quel tempo era l’unico posto della zona con una connessione Internet. Juvenal mostra subito una grande passione per i computer e l’informatica tanto che dopo le superiori inizia a frequentare una scuola di informatica e di riparazione di computer. Si laurea e inizia a muovere i primi passi nel mondo del lavoro.

 

Oggi Juvenal lavora alla Minusca, la missione di stabilizzazione integrata multidimensionale delle Nazioni Unite in Repubblica Centrafricana, e si occupa delle installazioni informatiche. Ha una compagna e un figlio, Emanuele. È sempre rimasto legato alla famiglia adottiva Kizito che lo ha cresciuto e come segno di gratitudine, insieme alla sua compagna, ha deciso di accogliere nella sua famiglia Lundì, un adolescente originario del Chad rimasto completamente solo. 

 

 

Con il tuo aiuto, altri ragazzi con un passato come Juvenal avranno una possibilità in più, quella di vivere al meglio delle loro possibilità anche se sono in situazioni così delicate.

Con il tuo aiuto, potranno ricevere tutto il sostegno e l’amore di cui hanno bisogno. Grazie a te possiamo garantire a ragazzi come Juvenal un aiuto e una speranza per ripartire.

oppure 

   

La tua donazione può fare la differenza!

Clicca qui per leggere la storia di Samuel

Condividi

Amore è la luce dello spirito Quando abbiamo bisogno della luce? Non durante il giorno, ma quando regna la notte. Allora ci occorre una lampada, una fiamma, la luna. Fate del vostro meglio per portare luce e amore nella vita di coloro che incontrate.

Sathya Sai Baba

    •  Chi siamo

    •  Cosa facciamo

    •  Iniziative

    •  Comunicazione

    •  Cosa puoi fare tu